Quanti ragazzi diventano satanisti per gioco e si rovinano la vita…

Punto e a capoInteressante intervento del Prof. Luca Bernardo, Direttore del Dipartimento Medicina dell’infanzia e dell’età evolutiva ASST Fatebenefratelli Sacco a proposito dei pericoli del Satanismo in rete:
“Abbiamo spesso parlato di sette e di quanto le sette virtuali sul web possono diventare reali. In Italia il fenomeno è conosciuto anche se sommerso, sotterraneo, occulto. Purtroppo può coinvolgere ogni tipo di persona, ma soprattutto chi è più vulnerabile in un particolare momento della vita. Quello che accade è che le vittime sono gestite e manipolate da un leader, che li condiziona in tutto e per tutto sui comportamenti. È accaduto ad Ilaria, la quale ci ha raccontato la sua vicenda. La ventinovenne è rimasta ancora vittima di un santone della setta. È lei stessa a riferirci la sua storia piena di dolore e sofferenza. Circuita fino ad arrivare a tatuarsi lo stesso marchio della setta. È il patto che gli avevano chiesto per diventare una loro fedelissima, per essere apprezzata dagli altri adepti. E probabilmente, conoscendo una parte della sua storia, possiamo immaginare che, proprio in quegli anni, Ilaria sentisse il bisogno di essere vista ed apprezzata da qualcuno. Purtroppo per la ragazza quel qualcuno si è trasformato in un inferno. Quello che all’inizio sembrava essere appagante e curativo, con il passare del tempo si trasforma per Ilaria in un incubo. Fino ad essere indotta e spinta dallo stesso titolare dello studio esoterico a firmare una cambiale di 40 mila euro, per l’acquisto di alcune quote dello stesso studio. È proprio in quel momento che Ilaria comprende che qualcosa non stava andando più per il verso giusto. Il terrore per le minacce contro di lei o suoi cari, iniziano a terrorizzarla. La sua vita diventa un tormento. Ogni momento è scandito da una profonda angoscia e paura. Il racconto di Ilaria ci fa comprendere come i contatti tra i cosiddetti affiliati sono sempre più inaccessibili all’esterno. Alcuni ragazzini di oggi diventano satanisti quasi per gioco, per una bravata, perché attratti da questo ambiente, perché senza controllo o perché si sentono soli e senza un futuro, proprio come Ilaria. Dobbiamo fare attenzione ai nostri ragazzi, che troppo spesso hanno un accesso troppo facile e immediato agli strumenti elettronici, senza che abbiano dei filtri giusti. A volta basta un clic per ritrovarsi, come è successo a Ilaria, in un mondo di condizionamento e manipolazione. I guru sono dietro l’angolo e trascinano in un mondo infernale che toglie tutto. Noi adulti dobbiamo sempre stare vicino ai nostri figli e attivarci quando notiamo che i nostri ragazzi si allonta- nano dagli ambienti vitali e dagli affetti”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: