Incontrare il Signore…

ceri e fioriPer incontrare il Signore dobbiamo uscire da noi stessi. E’ quanto il Signore comanda ad Elia,”Esci e sta alla mia presenza”. Per stare alla sua presenza dobbiamo chiedere di liberarci da tutto il peso delle nostre paure, dei nostri problemi. Per entrare nel “cuore grande” devo liberarmi dal peso frenante al “risparmio” della mia umanità che ha paura di abbandonarsi pienamente a Lui. Devo affidarmi con fiducia a Lui.
Chi prega e cerca Dio, dimentica se stesso, si perde di vista. L’unico sguardo è a Dio ed è uno sguardo di fede. La via dell’unione con Dio è al di là dei sentimenti, delle parole e delle idee. Dobbiamo chiedere con insistenza al Signore di venire a pregare in noi.
Sant’Agiostino in una pagina delle Confessioni così descrive il suo rifugiarsi in Dio: “Non trovo un luogo sicuro per la mia anima, se non in te. Soltanto lì si raccolgono tutte le mie dissipazioni, e nulla di mio si stacca da te. Talvolta m’introduci in un sentimento interiore del tutto sconosciuto e indefinibilmente dolce che, qualora raggiunga dentro di me la sua pienezza, sarà non so cosa, che non sarà questa vita” [Confessioni 10,40].
Per imparare a pregare, bisogna pregare e molto, senza stancarsi. Non dobbiamo dimenticare che portiamo nella preghiera tutto noi stessi e, come ci ricorda un grande maestro di preghiera, Charles de Foucauld, “la tua preghiera non può essere migliore della tua vita”. Buona Giornata e Buona preghiera!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...