Tempo di bilanci….?

ermanno sito.jpegEh sì….eccoci a festeggiare il compleanno il mio 49° compleanno. E si voglia o no il compleanno è tempo anche di verifica e di bilanci….
Tutti noi viviamo in un paese, in una città, in un luogo e abbiamo relazioni sociali con chi ci sta vicino. A tutti noi piacerebbe essere accettati e atti dai vicini; che ci riconoscessero, che parlassero bene di noi; che  ci aiutassero. Questo è il nostro desiderio, questo è quello che noi stessi a volte non facciamo….
Festeggiare il proprio compleanno alla luce di Gesù, della sua esperienza può tornare utile per comprendere le mie difficoltà, la precarietà delle relazioni intessute in questi anni di sacerdozio, i miei punti qualificanti e quelli squalificanti…..
Una domanda assilla sempre un sacerdote: la gente cosa si aspetta da me?
Gesù agiva e parlava senza preoccuparsi se ciò che diceva o faceva poteva dar fastidio a qualcuno e, infatti, dava fastidio a molte persone. Gesù diceva quello che riteneva giusto davanti a Dio. Gesù diceva ai religiosi farisei che la loro religione era tutto falsità!
Il giudizio ha origini lontane nella nostra vita. Il bambino divide la realtà in buona e cattiva. Buona è ciò che no è un pericolo per lui, ciò che non gli fa male, ciò che può controllare, “cattiva” è la realtà pericolosa, che lo fa piangere e che non può gestire.
Il fatto, e lo dico ai tanti amici che mi attorniano e che mi danno sempre dei consigli, è che niente di noi è buono o cattivo, ma semplicemente esiste. I comportamenti possono esser dannosi o utili, ma non le persone! Il dramma è che quando tu dici a un bambino: “Sei cattivo….sei brutto…sei monello…”, hai giudicato lui e non il suo comportamento… Gli hai detto che lui non va bene, e che in lui c’è qualcosa che non va e che deve essere eliminato…. e così capita anche per noi adulti…. quante volte mi sono sentito dire da amici, superiori: “così non vai….”!
Il giudizio cari miei, spezza, divide, distrugge le persone, giudicare è il tentativo di controllare, di possedere la realtà perché ci fa paura.
Che fare? Cosa augurarsi? Beh, ciò che è decisivo per la vita di ogni cristiano è la fede. La fede come capacità di poter vedere, riconoscere, percepire che Lui vive, agisce, si manifesta nella nostra vita. Dio non può operare nulla se l’uomo non lo riconosce. Dio è assente, se per l’uomo Lui è assente Se l’uomo non si apre alla fede nulla gli sarà possibile e la vita sarà un continuo tormento ed errare. Questo è quello che mi auguro e che auguro a ciascuno di Voi: avere fede. Che Dio ci porti al centro della Vita,iniseme con noi e mai senza di noi! Buona Giornata e grazie anticipatamente dei vostri auguri!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: