Mese: aprile 2018

Cerca, bussa, domanda, intercedi….

…Dovremmo paragonare la nostra preghiera con quella dell’amico inopportuno o della vedova per comprender quanto la nostra preghiera sia paurosa e timida. …

ESSERE “IN” GESU’…..

“Essere IN” oggi, vuol, dire avere successo, frequentare la gente che conta, imporsi all’attenzione, godere di prestigio, stare sulla cresta dell’onda, esser al passo delle varie mode. E’ difficile sentirsi dire che qualcuno è IN preghiera, IN sielnzio, IN meditazione. Gesù invece comanda: “Rimanete IN me e io in voi”. …..

Non siamo DEL mondo, ma ci manda NEL mondo….

Consideriamo l’opportunità che ci viene data: il modo migliore di “non essere del mondo”, ma di “andare nel mondo”, è di creare un impatto positivo nelle nostre comunità. …

PREGA, INTERCEDI….

Se proviamo talvolta difficoltà a pregare è perché cerchiamo di mascherare il nostro volto, mentre la preghiera è caratteristica di un uomo libero! ….

LA VERA LIBERTA’!

Gesù al contrario del “famoso” Sant’Antonio, non aiuta a ritrovare gli oggetti smarriti, semmai Lui contribuisce a farteli perdere. Il Maestro di libertà non esenta alcuno dalle ore difficili, ma dà ad esse un significato, grazie all’incontro con Lui, il “terribile quotidiano” diventa qualcosa che assomiglia ad una festa.