Liturgia Domenicale Pentecoste (24 maggio 2015)

Bricciole VangeloDagli Atti degli Apostoli 2, 1-11

Mentre stava compiendosi il giorno della Pentecoste, si trovavano tutti insieme nello stesso luogo. Venne all’improvviso dal cielo un fragore, quasi un vento che si abbatte impetuoso, e riempì tutta la casa dove stavano. Apparvero loro lingue come di fuoco, che si dividevano, e si posarono su ciascuno di loro, e tutti furono colmati di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue, nel modo in cui lo Spirito dava loro il potere di esprimersi. Abitavano allora a Gerusalemme Giudei osservanti, di ogni nazione che è sotto il cielo. A quel rumore, la folla si radunò e rimase turbata, perché ciascuno li udiva parlare nella propria lingua. Erano stupiti e, fuori di sé per la meraviglia, dicevano: «Tutti costoro che parlano non sono forse Galilei? E come mai ciascuno di noi sente parlare nella propria lingua nativa? Siamo Parti, Medi, Elamiti; abitanti della Mesopotamica, della Giudea e della Cappadocia, del Ponto e dell’Asia, della Frigia e della Panfilia, dell’Egitto e delle parti della Libia vicino a Cirene, Romani qui residenti, Giudei e prosèliti, Cretesi e Arabi, e li udiamo parlare nelle nostre lingue delle grandi opere di Dio».

Dal Salmo 103: Manda il tuo Spirito, Signore, a rinnovare la terra.

Benedici il Signore, anima mia!
Sei tanto grande, Signore, mio Dio!
Quante sono le tue opere, Signore!
Le hai fatte tutte con saggezza;
la terra è piena delle tue creature.

Togli loro il respiro: muoiono,
e ritornano nella loro polvere.
Mandi il tuo spirito, sono creati,
e rinnovi la faccia della terra.

Sia per sempre la gloria del Signore;
gioisca il Signore delle sue opere.
A lui sia gradito il mio canto,
io gioirò nel Signore.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Galati 5, 16-25

Fratelli, camminate secondo lo Spirito e non sarete portati a soddisfare il desiderio della carne. La carne infatti ha desideri contrari allo Spirito e lo Spirito ha desideri contrari alla carne; queste cose si oppongono a vicenda, sicché voi non fate quello che vorreste. Ma se vi lasciate guidare dallo Spirito, non siete sotto la Legge. Del resto sono ben note le opere della carne: fornicazione, impurità, dissolutezza, idolatria, stregonerie, inimicizie, discordia, gelosia, dissensi, divisioni, fazioni, invidie, ubriachezze, orge e cose del genere. Riguardo a queste cose vi preavviso, come già ho detto: chi le compie non erediterà il regno di Dio. Il frutto dello Spirito invece è amore, gioia, pace, magnanimità, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé; contro queste cose non c’è Legge. Quelli che sono di Cristo Gesù hanno crocifisso la carne con le sue passioni e i suoi desideri. Perciò se viviamo dello Spirito, camminiamo anche secondo lo Spirito.

Sequenza allo Spirito Santo

Vieni, Santo Spirito,
manda a noi dal cielo
un raggio della tua luce.

Vieni, padre dei poveri,
vieni, datore dei doni,
vieni, luce dei cuori.

Consolatore perfetto,
ospite dolce dell’anima,
dolcissimo sollievo.

Nella fatica, riposo,
nella calura, riparo,
nel pianto, conforto.

O luce beatissima,
invadi nell’intimo
il cuore dei tuoi fedeli.

Senza la tua forza,
nulla è nell’uomo,
nulla senza colpa.

Lava ciò che è sordido,
bagna ciò che è arido,
sana ciò che sanguina.

Piega ciò che è rigido,
scalda ciò che è gelido,
drizza ciò ch’è sviato.

Dona ai tuoi fedeli
che solo in te confidano
i tuoi santi doni.

Dona virtù e premio,
dona morte santa,
dona gioia eterna. Amen

Dal vangelo secondo Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Quando verrà il Paraclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre, egli darà testimonianza di me; e anche voi date testimonianza, perché siete con me fin dal principio. Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».


Effusione permanente dello Spirito

Da un po’ di anni a questa parte, la Pentecoste è la solennità cristiana che più mi affascina. Purtroppo, nella mentalità di fede popolare le grandi feste cristiane riconosciute sono essenzialmente due: il Natale e la Pasqua! Già il fatto di mettere il Natale prima della Pasqua è uno stravolgimento delle priorità, ma la non considerazione totale della Pentecoste è davvero avvilente…La Pentecoste è l’avvenimento che ha reso la Pasqua comprensibile alla mente e al cuore degli uomini: senza lo Spirito non ci sarebbe la fede! È lo Spirito santo che “accende la luce ai sensi” e permette loro di attivarsi per rendere possibile l’esperienza del Risorto all’uomo di ogni lingua, popolo e nazione!È scorretto pensare che la Pentecoste sia solo l’evento strepitoso accaduto quando i discepoli e Maria erano riuniti nel Cenacolo e delle fiammelle si sono postate sulle loro teste proiettandoli alla missione: negli Atti degli Apostoli si raccontano almeno altre quattro effusioni dello Spirito! Questo ad indicare che la Pentecoste non sia un evento del passato ma un avvenimento reiterabile! É bello notare che la discesa dello Spirito avviene sempre nel momento in cui i discepoli sono riuniti in preghiera… nel momento in cui i discepoli si pongono in effettivo ascolto della Parola e in atteggiamento di docilità, lo Spirito non attende a fare irruzione e portare il vento della conversione e il fuoco della missione!La Pentecoste non è un fatto che si realizza a comando… è il segno della geniale gratuità di Dio che entra in azione nel momento in cui meno ce lo si aspetta… Quante Pentecoste abbiamo ricevuto dall’inizio della Chiesa ad oggi! Tutti i grandi passi fatti dai cristiani lungo la storia sono sempre stati frutto dell’intervento grazioso dello Spirito! E chissà quanto ancora lo Spirito ha da dirci… Dobbiamo metterci in preghiera!

Un commento su “Liturgia Domenicale Pentecoste (24 maggio 2015)

  1. Si potrebbe dire che è lo Spirito Santo che muove il mondo,è onnipresente in ogni cosa ,in ogni nostra azione.Da parte nostra dobbiamo pregare sempre perché rimanga o venga quando per un attimo ci sembra manche nelle nostre vite! e il male?Certo che esiste anche quello e tante volte sovrasta la situazione ,E’ allora che noi dobbiamo intensificare la preghiera per chiamare lo Spirito di Dio.Ma,normalmente se siamo solitamente in preghiere ,in contatto con il Signore,lo Spirito è sempre nei nostri cuori e opera sempre per il meglio di tutti.Vieni e rimani con noi Oh Spirito Santo!.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: