Liturgia Domenicale: Festa della Divina Misericordia (12 aprile 2015)

Bricciole VangeloDagli Atti degli Apostoli 4, 32-35

La moltitudine di coloro che erano diventati credenti aveva un cuore solo e un’anima sola e nessuno considerava sua proprietà quello che gli apparteneva, ma fra loro tutto era comune. Con grande forza gli apostoli davano testimonianza della risurrezione del Signore Gesù e tutti godevano di grande favore. Nessuno infatti tra loro era bisognoso, perché quanti possedevano campi o case li vendevano, portavano il ricavato di ciò che era stato venduto e lo deponevano ai piedi degli apostoli; poi veniva distribuito a ciascuno secondo il suo bisogno.

Dal Salmo 117: Rendete grazie al Signore perché è buono: il suo amore è per sempre.

Dica Israele:
«Il suo amore è per sempre».
Dica la casa di Aronne:
«Il suo amore è per sempre».
Dicano quelli che temono il Signore:
«Il suo amore è per sempre».

La destra del Signore si è innalzata,
la destra del Signore ha fatto prodezze.
Non morirò, ma resterò in vita
e annuncerò le opere del Signore.
Il Signore mi ha castigato duramente,
ma non mi ha consegnato alla morte.

La pietra scartata dai costruttori
è divenuta la pietra d’angolo.
Questo è stato fatto dal Signore:
una meraviglia ai nostri occhi.
Questo è il giorno che ha fatto il Signore:
rallegriamoci in esso ed esultiamo!

Dalla prima lettera di san Giovanni apostolo 5, 1-6

Carissimi, chiunque crede che Gesù è il Cristo, è stato generato da Dio; e chi ama colui che ha generato, ama anche chi da lui è stato generato. In questo conosciamo di amare i figli di Dio: quando amiamo Dio e osserviamo i suoi comandamenti. In questo infatti consiste l’amore di Dio, nell’osservare i suoi comandamenti; e i suoi comandamenti non sono gravosi. Chiunque è stato generato da Dio vince il mondo; e questa è la vittoria che ha vinto il mondo: la nostra fede. E chi è che vince il mondo se non chi crede che Gesù è il Figlio di Dio? Egli è colui che è venuto con acqua e sangue, Gesù Cristo; non con l’acqua soltanto, ma con l’acqua e con il sangue. Ed è lo Spirito che dà testimonianza, perché lo Spirito è la verità.

Dal vangelo secondo Giovanni 20, 19-31

La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati». Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Didimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo». Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!». Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.


Mettere il dito

É trascorsa una settimana da che Gesù è risorto. C’è ancora in noi la gioia di quell’annuncio? E alle persone che abbiamo incontrato in questi giorni abbiamo partecipato la nostra esultanza? Devo dirvi che, in più occasioni, ho avuto modo di ripetere “Cristo è risorto!” e sono davvero contento! A fronte di tanto sconforto, di tante amarezze, dì tante disillusioni, mi sembra che solo questa certezza sia in grado di dare la speranza necessaria… il resto sono semplici palliativi…
É ovvio che all’annuncio non corrisponde immediatamente la conversione di chi ascolta… il dubbio, la paura dì fidarsi, le resistenze più intestine, non permettono all’uomo di godere prontamente della pace offerta dal Risorto. La pagina del vangelo di oggi ci mostra le rimostranza di Tommaso… è passata una settimana, ma non c’è verso di abbattere le resistenze e abbandonarsi serenamente alla Buona notizia…
Nessun biasimo per Tommaso! È una icona splendida del cuore di ogni uomo. Siamo tutti così! E Dio che ci ha voluti così! La fede non è un meccanismo che scatta d’istinto: è libertà, è ragionevolezza, è passione! Tommaso non è uno che fa le cose facili. È uno che ci vuoi veder dentro chiaro! Gesù non disdegna di incontrarlo, di mostrare la verità dolorosa della Croce, dì esortarlo a mettere dentro «il dito» nella tangibilità di Dio!
E poi l’esortazione: «non essere incredulo, ma credente!». Ebbene sì: avrà ancora momenti nei quali si troverà a dubitare… Non è un incontro che scioglie ogni dubbio! C’è da perseverare nella ricerca, senza mai accontentarsi dei risultati raggiunti! È come l’amore… la stessa identica cosa… se non si rinnova costantemente l’amore, pur avendo avuto originariamente un incontro significativo, tutto si sfuma! Ogni giorno con le mani sul Corpo di Gesù…

Un commento su “Liturgia Domenicale: Festa della Divina Misericordia (12 aprile 2015)

  1. Il Gesù della Divina Misericordia è il mio Gesù! Era anche quello più venerato da Giovanni Paolo II.
    G.Paolo II è il mio Papa ,il mio Santo!
    G.Paolo II guardami… Gesù confido in Te!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: