A proposito di Santità.

santitaPochi sanno che oltre ad essere sacerdote della Congregazione dell’Oratorio di San Filippo Neri, sono anche Vice Postulatore della Causa di Beatificazione del Servo di Dio Padre raimondo Calcagno, sacerdote oratoriano della Congregazione di Chioggia. Una causa iniziata da oltre vent’anni e che con pazienza sta proseguendo.

Scrivo ora dal treno che mi sta riportando a Chioggia da Roma, dove stamane ho avuto un incontro in vista del Congresso dei Cardinali previsto per 21 ottobre prossimo che stabilirà il grado di eroicità e delle virtù del piccolo grande sacerdote padre Raimondo.

Un congresso che se avrà, come si pensa, esito positivo porterà in fase successiva il Santo Padre Francesco a emanare il decreto di Venerabilità.

Questa occasione mi porta a riflettere e a condividere con voi qualche pensiero rispetto alla Santità e alle caratteristiche di una causa di beatificazione

La prima caratteristica di una causa di beatificazione è la PASTORALITA’. Il lavoro che minuziosamente ogni postulazione attua è nel discernimento della santità nella Chiesa!
La Beatificazione che si svolge all’interno della Chiesa particolare, nel nostro caso quella di Chioggia, mediante la preparazione dei fedeli, risulta essere efficace per favorire negli stessi fedeli la disponibilità non solo all’imitazione, ma anche all’implorazione di grazie e favori spirituali e materiali. In tal modo di sviluppa in loro un sentimento sincero di vicinanza con gli stessi Santi, una affinità del cuore, una «simpatia» affettiva e spirituale che oltre a tenere viva la fama di santità, crea una vera e propria pedagogia di santità!

Una seconda caratteristica di una Causa di Beatificazione è l’ASPETTO SPIRITUALE. Il conoscere e il far conoscere queste straordinarie figure di credenti genera un progressivo coinvolgimento nel loro stesso camino, un appassionato interessamento alle loro vicende. Invocare l’intercessione di Santi e dei Beati, che hanno vissuto nei nostri luoghi nelle nostre città significa non solo pregare per loro ma sopratutto pregare «come» e «con» loro assumendo le scelte e lo stile di vita di questi nostri fratelli maggiori.

Teniamo presente che all’aspetto pastorale, spirituale c’è anche un terza e ultima caratteristica di una causa di beatificazione la sua UNICITA’. Ogni Santo, Beato è una parola nuova che Dio dice alla sua Chiesa e all’umanità tutta. Bisogna chiedersi: qual a è la parola precisa che il Signore, mediante la proposta di questo suo Servo, vuole indirizzarci a noi? Quale è il valore che egli intende proporci?

E allora che dire….. BUONA SANTITA’ A TUTTI!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: